PROGETTO “ADOTTA UNA FAMIGLIA”

Il progetto si rivolge alle famiglie afferenti l’Unità Operativa di Oncoematologia Pediatrica che si rivelano in condizioni di disagio sociale tali da rischiare un accentuarne la marginalità a seguito dell’evento patologico del proprio figlio, soprattutto laddove sia prevista un percorso terapeutico nazionale, oppure quando la stessa famiglia non risiede nel territorio metropolitano, ma si sposta continuamente da altri comuni limitrofi, altre province o addirittura da altre regioni limitrofe.

Lo scopo del progetto è di fornire al maggior numero possibile di famiglie un supporto economico  temporaneo,  ma necessario con la finalità ultima di accompagnarle nel cammino verso il ritorno la quotidianità.

Le famiglie sono individuate in sinergia con l’equipe sanitaria e medica oltre che con il supporto dello Sportello di Ascolto gestito dalla Psicologa e Psicoterapeuta del Progetto “Qui ed Ora in ascolto” e della Direttrice, counselor professionista e referente del progetto “Sos Famiglia” in Apleti.

Le modalità con cui aiutarle tengono conto delle peculiarità delle singole situazioni e possono concretizzarsi sia in un contributo di tipo economico diretto, finanziando la famiglia nelle spese di spostamento, alloggio, vitto, vestiario ecc., sia con moneta digitale di “buoni spesa”, “buoni benzina” “buoni acquisto”.

L’importo medio previsto dal Consiglio Direttivo Apleti che analizza assieme allo Staff le singole realtà è pari a € 500/1000 euro su base annuale. Tuttavia nei casi in cui è necessario un maggiore apporto economico oppure quando intere comunità scelgono di supportare un paziente nelle cure e nel suo percorso extraregionale, il nostro Ente crea dei fondi di sostegno dedicati, ma tempo. Le risorse economiche vengono attinte o dal fondo giacente o da contributi (mensili o una tantum) di benefattori che aderiscono al progetto, con elargizioni di enti e istituzioni, con campagne promosse da singoli cittadini, senza interessare piattaforme di fundraising internazionali rivelatesi negli anni farraginose e poco attente alle esigenze immediate delle famiglie.

L’identità delle famiglie è riservata e viene comunicata, per ragioni di rendicontazione, esclusivamente ai benefattori che le adottano. Nelle comunicazioni pubbliche di rendicontazione e trasparenza sono espresse solo le informazioni economiche e statistiche, senza divulgazione di dati sensibili.

Sostieni il Progetto con una donazione su Paypal

Tutti i progetti